sabato 14 febbraio 2015

YOGA IN GRAVIDANZA.. SI PUO'? E PERCHE'?

Il 24 febbraio comincia il corso di Yoga in Gravidanza presso il Centro Katia Bertasi di Bologna. C'è quindi da chiedersi: ma perché fare yoga in gravidanza, a cosa serve, è possibile farlo? Fino a quando?
 
Lo yoga in gravidanza io l'ho vissuto innanzitutto da "utente", quando aspettavo mio figlio. Non era il mio primo corso di yoga, ed ero curiosa di sapere come sarebbe stata l'esperienza con "la pancia", conoscendo già gli enormi benefici dello yoga in sé.
Per me è stata un'esperienza stupenda, una bellissima condivisione con le altre future mamme, ma anche di dolce preparazione al grande momento: il parto! Questo tipo di attività mi ha donato forza, grinta, consapevolezza di quello che stavo vivendo e della grande prova che da lì a poco avrei dovuto superare.. mi ha calmato dall'ansia e dalla paura, mi ha fatta sentire "pronta", sia fisicamente che emotivamente, e soprattutto mi ha dato degli enormi strumenti da utilizzare sia durante il travaglio che durante il parto. Anche il corso pre-parto è stato molto valido e importante, ma penso che senza attività fisica non sarebbe stata la stessa cosa, in particolare per il mio corpo e per la gestione e comprensione dello stesso. Se a tutto ciò aggiungiamo anche un po' di meditazione.. il quadro è completo!
 
Questa premessa era doverosa, perché spiega in poche parole come mai io abbia deciso di intraprendere questo percorso.. desidero, nel limite delle mie capacità, cercare di donare alle altre mamme quello che è stato donato a me, e ancora ricordo con gioia la mia insegnante Stefania, dai capelli rosso fuoco! (Un po' come si ricordano le ostetriche che ci accompagnano in sala parto..). Spero veramente di rendermi utile, ma non perché io sia speciale o brava, ma perché è lo Yoga ad essere unico, completo e insuperabile! 
 
Lo Yoga in gravidanza lo si può svolgere fino al termine della gestazione, o in ogni caso, fino a quando la donna se la sente. Lo Yoga in gravidanza non è pericoloso se svolto con cura e attenzione, il che significa gentilezza nei movimenti, scelta accurata delle asana da compiere, tanta dolcezza e affetto verso se stessi e il proprio corpo.. non è una gara, non è una competizione (ma quando mail lo yoga lo è??), è una via, un percorso (questo lo yoga lo è sempre!).
 

 
 
Mary Barnes, direttore di Yoga for Two a New York, spiega a Fox News: “Lo yoga durante la gravidanza aiuta una donna far aumentare la sua forza e la flessibilità, anche se il suo corpo passa attraverso i profondi ccambiamenti della gravidanza.”
Lo yoga praticato durante la gravidanza aiuterebbe infatti ad alleviare dolori e fastidi tipici della gestazione e favorirebbe il travaglio e il parto aumentando la soglia di tolleranza del dolore. La resistenza ai dolori e alla tolleranza è dovuta all’azione combinata sul fisico, il respiro e la mente e fa sì che il parto avvenga senza il bisogno di ricorrere a farmaci o altro per controllare il dolore.